Christmas Time… & PopCorn: “Lo schiaccianoci e i quattro regni”

Uno dei momenti che maggiormente attendo durante tutto l’anno è sicuramente il Natale.
Le decorazioni, i pacchetti regalo, il profumo di zenzero e le città illuminate la sera mi rendono felice e mi fanno tornare bambina.

Così a Novembre ho deciso di guardare il primo di una lunga serie di film a tema natalizio ovvero “Lo schiaccianoci e i quattro regni”, nuova produzione Disney, libera reinterpretazione del classico della letteratura di Ernst T. A Hoffmann.
Clara, una giovane ragazza, sveglia e brillante, si trova ad affrontare il suo primo Natale senza la madre. Il giorno della vigilia, come ogni anno, si reca insieme al padre e ai due fratelli, nella casa del padrino Drosselmeyer, uomo dal grande intelletto che decide di fare un dono molto speciale a Clara. Seguendo un filo dorato che attraversa i corridoi della grandissima abitazione, Clara si trova catapultata in uno strano mondo dove incontra lo schiaccianoci Phillip, un soldato che sorveglia la strada che porta ai quarto regni.
Così, insieme allo schiaccianoci, Clara scopre di essere una principessa, figlia della regina Marie, la madre defunta, che da giovane aveva dato vita a questo magico mondo, portando in vita giocattoli di natale e dando loro un Regno da proteggere.

Inizia così l’avventura di Clara la quale cercherà di proteggere e di riportare l’armonia tra i quattro regni che lo compongono.
I personaggi che incontriamo, all’interno della pellicola sono molto particolari e ben creati, come Fata confetto, rosa e zuccherosa che nasconde ambiziosi progetti, Madre Ginger, la protettrice del regno dei divertimenti che si è ribellato, regno bandito e che tutti odiano.
Clara è un personaggio determinato, intelligente e sempre pronta a mettersi in gioco, una perfetta Girl Power.
Il film ricorda molto una fiaba e si rifà, secondo me, ai film di Tim Burton “Alice in Wonderland” e a “Narnia”. Questi dettagli che rimandano ad altre pellicole, secondo me lo penalizzano e non gli danno nulla d’innovativo o particolare rispetto a film già visti nel passato.
I costumi e le ambientazioni sono davvero bellissimi, inoltre, una piccola chicca è la presenza di alcuni balletti di danza classica.
Parlando invece degli attori, abbiamo una perfetta Keira Knightley che interpreta benissimo la fata confetto e due attori del calibro di Morgan Freeman e Helen Mirren.
La giovanissima Mackenzie Foy, nei panni di Clara è bellissima e molto brava.

Anche se il film non è riuscito completamente a conquistarmi, credo sia perfetto per prepararsi al Natale, l’atmosfera fatata, la neve, un mondo di fiaba che fa tornare un po’ bambini e che ti prepara alla notte più magica dell’anno.

Alessia Cozzi

Precedente In Wonderland: "Misteriosa" di Elisabetta Gnone Successivo Recensione: "In nome della madre" di Erri De Luca

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.