Codice scriba, di Sergio Fanucci: la recensione

Il romanzo Codice Scriba  è il secondo volume della Trilogia dei Codici. Tuttavia è  comprensibile a tutti, anche se non si è letto il primo volume (Codice Scorseze).

Il prologo del Codice Scriba si apre a Pisa, negli uffici del Nest, nel dicembre del 2001. Un giovane ricercatore ha appena ottenuto un risultato positivo e il computer gli ha confermato che la procedura da lui adottata è esatta. Una donna si introduce furtivamente negli uffici deserti, sotto la minaccia di una rivoltella, gli ordina di copiare la procedura su di una chiavetta, gli fà cancellare il tutto dal computer e poi lo uccide. Sono trascorsi ben quattordici anni da quel tragico evento e, ora, siamo a New York e seguiamo le vicende dell’avvocato Elisabeth Scorsese. Elisabeth, reduce da un caso in cui ha messo a rischio la propria vita,  deve decidere se accettare o meno un altro caso e, per questo, si sta recando presso la prigione federale dove incontrerà Jonathan Brimley, fondatore di un prestigioso studio di consulenza finanziaria che è accusato di alto tradimento nei confronti del governo degli Stati Uniti. Prima ancora che Elisabeth abbia deciso di assumere la sua difesa, Brimley le versa una cifra stratosferica: 1 milione di dollari. Pochi giorni dopo, Brimley muore avvelenato…

Il racconto delle vicende di Elisabeth e dei vari protagonisti sono intervallate dalle imprese di suo padre, generale dell’esercito che, con un pugno di militari, è impegnato nella ricerca di Caterina, sua moglie e madre di Elisabeth che, mentre svolgeva il suo lavoro di spia, è scomparsa da oltre dodici anni

Il romanzo è interessante, i personaggi sono ben delineati, le situazioni sono descritte in modo davvero efficace. Il romanzo è un viaggio nelle viscere del potere occulto, là dove i confini tra criminalità ed economia si fanno più labili ed il bene e il male sono ugualmente pericolosi. Ne risulta una lettura scorrevole, appassionante e intrigante che spinge il lettore a leggere il romanzo tutto d’un fiato e a fermarsi solo all’ultima pagina.

Cristina Corniani

Titolo: Codice Scriba
 Autore: Sergio Fanucci
 Casa editrice: Rizzoli
 Pagine: 528
 Prezzo: 20 €, ebook 9,99 €
 In libreria dal 3 novembre 2016
Precedente A Natale Matteo consiglia: Un Natale tutto per sè, AA. VV. Successivo Inkbooks incontra Antonella Mecenero: l'intervista