La forza delle donne di Hop! edizioni

Intervista a Lorenza Tonani

Metti insieme una principessa, il castello di Hogwarts e uno zombie fuggito dalla Umbrella Corporation. L’edizione 2017 di Lucca Comics & Games è stata tutto questo e molto altro. Siamo stati felici di averne preso parte, e nel nostro percorso abbiamo incontrato Lorenza Tonani, direttrice editoriale di Hop! edizioni.

Ciao Lorenza, finalmente ci conosciamo dal vivo! Parlami del pezzo forte del vostro stand qui a Lucca, la collana “Per aspera ad astra. La forza delle donne”, all’interno della quale rivesti il duplice ruolo di autrice dei testi ed editrice:
Questa collana nasce “a tavolino”: mi sono appassionata alla pubblicazione su Vivian Maier realizzata da Cinzia Ghigliano, dal titolo “Lei” (Orecchio Acerbo editore). Da lì è partita la volontà di descrivere donne-artiste affiancando le immagini ad un contenuto descrittivo più ampio rispetto a quanto di solito accade nei libri per l’infanzia. E’ così nata “Per aspera ad astra”, una collana che già nel suo motto delinea appieno il filo conduttore dei volumi che ne fanno parte: attraverso la difficoltà si può arrivare alle stelle!
Tutte le protagoniste di questa collana sono donne entrate nella leggenda; ognuna di loro, almeno una volta nel corso della sua vita, ha reagito a traumi e momenti difficili ascoltando il proprio talento e seguendolo.
E’ stato singolare scoprire che spesso queste donne hanno avuto un legame tra loro, un filo invisibile che le ha collegate e influenzate: Maria Callas si è ispirata ad Audrey Hepburn, Madonna leggeva Virginia Woolf…  Ma ciò che più accomuna queste donne è, a mio parere, proprio la loro volontà di vincere le difficoltà della vita e coltivare il proprio talento, messaggio importante per i giovani, ai quali è dedicata questa collana.

Quali saranno le prossime Grandi Donne della collana?
L’idea è di realizzare almeno altre cinque pubblicazioni. Naturalmente ci sarà Jane Austen, mi piacerebbe poi raccontare Marina Abramović, poi… qualche sorpresa!

Una bellissima collana, da consigliare tanto ai ragazzi quanto agli adulti, sia per il messaggio che ogni volume racchiude in sé, sia per la bellezza grafica.
E proprio di disegno torneremo a parlare fra qualche giorno; abbiamo infatti intervistato Sara Ciprandi, disegnatrice di “Frida” e Lucrece, illustratrice di “Virginia”.
Un saluto a Lorenza e alla prossima!

Roberta Taverna

Precedente This is Halloween: "Il gatto stregato", di Cossi-Frezzato Successivo In libreria: "Come tessere di un domino" di Zigmunds Skujiņš