Fumetti & Co.: The Moneyman. La vera storia del fratello di Walt Disney

the-moneyman Anche le stelle più luminose hanno bisogno di una notte limpida per poter risplendere, Walter Elias Disney era una di quelle stelle. Senza l’aiuto, l’appoggio, i consigli del fratello maggiore, Roy Oliver Disney, il mondo dell’animazione oggi sarebbe diverso. Eppure non sentiamo mai parlare del fratello di Walt Disney, il suo ricordo si affievolisce non appena ci si allontana dall’ingresso del parco di Orlando, dove una statua lo ritrae seduto  in abiti informali su una panchina mentre sorride a Minnie.
Ci ricordiamo invece tutti del fratello minore, l’istrionico Walt Disney, e nella nostra mente la sua figura combacia perfettamente con la statua che accoglie i turisti innanzi al castello del parco in Florida, trionfante, con una mano intrecciata a quella di Mickey Mouse e l’altra a indicare gli astri.

Uomo carismatico, intessitore di sogni, spirito immaginativo inarrestabile, Walter viveva però oltre il piano della realtà, in un mondo nel quale creditori, sindacati, risparmi erano semplici suoni privi di significato. Walter mirava alla luna, fantasticava su principesse addormentate e bambini perduti, creava grilli parlanti e balli a castello. A rendere tutti quei sogni realizzabili il fratello Roy, quello che parlava con le banche, intratteneva rapporti con i lavoratori, faceva tornare i conti.
Solo insieme, grazie all’operato di entrambi, Walt e Roy hanno creato il mondo Disney.

Per la prima volta i lettori scoprono la storia del fratello di Walt Disney, a narrarla cinque autori italiani. Una causalità? Forse no. Perché con il procedere delle pagine non ci si può che meravigliare innanzi ai legami che intrecciano il destino dei Disney all’Italia: dalla Bank of America, l’istituto di credito che più volte ha salvato i fratelli dal fallimento grazie alla lungimiranza del suo fondatore, l’italoamericano Amadeo Peter Giannini, al viaggio che i fratelli compiono nel nostro Paese, dal lago di Como all’udienza con Papa Pio XI, passando attraverso l’incontro con Mussolini.

Una narrazione toccante, nella quale forme e colori si amalgamano perfettamente ai piani temporali; uno studio minuzioso di immagini d’epoca, biografie, materiali che rendono The Moneyman un vero e proprio documentario a fumetti della vita dei fratelli Disney; un “dietro le quinte” che fa riflettere sul ruolo della Storia umana che innalza all’immortalità e condanna all’oblio due medaglie dello stesso sogno.

“Lui non capiva. Neanche io avevo capito all’inizio. Che tutti questi suoi sforzi, questa sua ambizione sfrenata, erano un modo per cercare di raggiungere quello a cui i grandi artisti mirano, con la loro arte… l’immortalità, nel ricordo delle persone.”

Il mio voto:

Roberta Taverna

Titolo: The Moneyman
 Autori: Alessio De Santa, Filippo Zambello, Lorenzo Magalotti, Giulia Priori, Lavinia Pressato
 Casa editrice: Tunué
 Prezzo: 16.90 €
 Pagine: 176 a colori
Precedente St. Valentine's GiveAway Successivo Letture di Gennaio: la videorecensione