In libreria: “Amalia e Guido” di Alberto Moretti

Il libro Amalia e Guido ci conduce negli anni più bui della storia: sono gli anni della Seconda Guerra Mondiale e lo scenario è apocalittico, tra fiamme, fumo, bombardamenti, sirene d’allarme. In quest’epoca di grandi avvenimenti si inserisce la storia di Amalia. La protagonista del libro, che già da bambina aveva vissuto la tragicità della guerra, ricorda le difficoltà che si incontravano in quegli anni, dalla mancanza del lavoro alla paura di perdere tutto. Nonostante le angosce di quegli anni la protagonista, eroina dell’ordinario, lotta per garantire un futuro alla figlia e ricorda con amore e con orgoglio il marito Guido, che a sua insaputa lotta contro il deserto per tornare a casa.

Con grande sapienza e delicatezza, l’autore del romanzo Alberto Moretti conduce il lettore a vivere le esperienze peggiori della guerra attraverso la tragedia privata di una donna e di suo marito. Il ritmo della narrazione che lascia spazio alla riflessione, le descrizioni dettagliate, il continuo ricordare della protagonista fanno in modo che il lettore si senta pienamente coinvolto nelle vicende narrate, ma soprattutto che condivida i sentimenti dei personaggi.
Non sono pochi infatti i momenti di commozione per chi legge il romanzo di Moretti, ma forse il più bello e più intenso è proprio quello che si trova alle pagine conclusive del libro, quando due persone che si amano si ritrovano: “Le nostre due vite si erano riunite nuovamente per proseguire nel nostro destino. Lo baciai, lo baciai, lo baciai come mai lo avevo baciato”.

Titolo: Amalia e Guido

Autore: Alberto Moretti

Casa editrice: Aracne

Prezzo: 12 €

Pagine: 156
Precedente "Remember" di Ashley Royer: la recensione Successivo Inkbooks Reading Challenge: "Una più del Diavolo" di Lorenzo Vargas

Lascia un commento

*