In libreria: La leggenda della nave di carta. Racconti di fantascienza giapponese

“La prima vera silloge di testi di science fiction di autori del Sol Levante.”
Fantascienza.com

Lungo una linea che risale fino alle leggende e ai miti tradizionali del Sol Levante, pur non disconoscendo la lezione dei grandi autori europei della seconda metà dell’Ottocento, come Verne o Wells, i sedici racconti che compongono La leggenda della nave di carta rappresentano una finestra su un mondo, una società, una cultura che sono altro da noi e che, proprio per questo, ci risultano affascinanti, sorprendenti. Distanti dagli stereotipi più diffusi, che vogliono la fantascienza giapponese legata all’epopea di mostri leggendari come Godzilla o alle saghe anime, questi racconti esplorano territori più accidentati e stimolano suggestioni profonde su temi complessi e insoluti come la rapida modernizzazione della società, gli strascichi del militarismo degli anni Trenta e Quaranta, l’inquinamento ambientale, l’isolamento culturale, la condizione femminile, la fiducia – spesso tradita – nel progresso tecnologico. Il ritratto che se ne ricava è quello di un mondo vulnerabile, scosso, proiettato verso il futuro e allo stesso tempo ancorato al suo passato recente, all’evento che ne ha sconvolto l’attualità, segnandone per sempre l’identità e l’immaginario: l’apocalisse atomica su Hiroshima e Nagasaki.

Titolo: La leggenda della nave di carta
 Autore: AA.VV., a cura diCarlo Pagetti e Ilaria M. Orsini
 Casa editrice: Fanucci
 dal 6 aprile in eBook, €4,99
 dal 20 aprile in libreria, €9,90
Precedente "Tutto quello che non ricordo" di Jonas Hassen Khemiri: la recensione Successivo Inkbooks Reading Challenge Deluxe