In libreria

In libreria: “Nel grande vuoto” di Adil Bellafqih

Il debutto non convenzionale di una nuova, giovanissima ed eclettica voce, capace
di tessere in un perfetto thriller cyberpunk la spietata fotografia della nostra
società.

Il Crollo ha scavato un profondo precipizio nella storia del mondo, e quel che è rimasto dell’umanità vive con un’idea confusa del proprio passato, perennemente connessa all’Aion, l’onnisciente insieme organico di menti che grazie alla Realtà Aumentata offre a chiunque la possibilità – ovviamente a pagamento – di mostrare agli altri un avatar, una versione tridimensionale contraffatta di sé dietro cui trincerarsi e nascondere i propri fallimenti e le proprie solitudini.
Finire, anche solo per pochi minuti, in Tendenza: ecco il sogno che tiranneggia la vita di ognuno.
Ma un mondo in cui tutto è camuffabile è un mondo in cui tutto è manipolabile: immersi in un maelstrom informatico che abbaglia con mondi fittizi, pop-up e banner pubblicitari, gli esseri umani si ritrovano alla mercé di fake news, improvvisati guru e finti salvatori. L’unico modo per proteggersi è ricorrere ai debunker, detective privati e demistificatori che setacciano la Rete ripulendola dalle menzogne telematiche. E uno dei migliori in circolazione è sicuramente Meister Eckhart, anche perché rispetto ai suoi colleghi ha un vantaggio segreto: grazie a un difetto all’impianto spinale, Eckhart se si copre un occhio vede il mondo vero, spogliato dal doping dell’Aion. Quando alla porta del suo ufficio bussa la fascinosa Eva, decisa a far luce sulla morte misteriosa del figlio Ivan e sulla sua ancor più inspiegabile scomparsa dall’Aion, Eckhart accetta il caso, senza sapere di avere appena commesso l’errore più terribile della sua vita.

Tra Blade Runner e la trilogia dello Sprawl di William Gibson, Paprika di Satoshi Kon e Homunculus, il manga seinen di Hideo Yamamoto, Nel grande vuoto segna il debutto non convenzionale di una nuova, giovanissima ed eclettica voce, capace di tessere in un perfetto hard boiled cyberpunk la spietata fotografia della nostra società.

ADIL BELLAFQIH è nato nel 1991 a Sassuolo, dove vive. Dopo un triennio concluso su Stephen King, ha conseguito la laurea magistrale in Filosofia a Parma con una tesi sulla pulsione creativa, ispirata a Nietzsche e a Jung. Nel grande vuoto si è aggiudicato la menzione speciale della giuria alla XXXI edizione del Premio Calvino. Ha pubblicato numerosi racconti partecipando a vari concorsi letterari.

Titolo: Nel grande vuoto
Autore: Adil Bellafqih
Casa editrice: Mondadori
Prezzo: euro 18
Pagine: 276
In libreria da aprile 2019