In libreria: “Wasteland. La terra dei sogni perduti” di Giorgio J. Squarcia

Sebastian, un musicista cinico e disincantato, rivive in sogno il ricordo di un passato in cui era giovane, pieno di speranze e d’amore. Al risveglio l’eco di quel sentimento non svanisce ma lo lascia con lo struggente desiderio di ritornare nel sogno e ritrovare lei, la donna che amava. Per farlo, però, deve varcare di nuovo la linea che separa la realtà dalla fantasia, fino a Wasteland, la terra dei sogni perduti. Spinto dalla voglia di rinascere, Sebastian affronta un viaggio nella propria mente, per approdare in un luogo dove stupore, speranza e amore sono ancora possibili.

Wasteland. La terra dei sogni perduti è la storia di una rivoluzione interiore, un’odissea attraverso mondi fantastici e incontri eccezionali, alla ricerca del segreto della felicità e del senso della vita.

L’AUTORE: GJ Squarcia nasce a Rochester in Minnesota da genitori italiani. Dopo la laurea in Filosofia, conseguita in Italia, comincia a lavorare sotto copertura nel Dipartimento di Giornalismo Investigativo della CBS, a New York. Nello stesso periodo frequenta un master in sceneggiatura e regia presso la New York University e collabora con diversi quotidiani e periodici italiani. Sei anni dopo, a seguito di un’investigazione sui casinò illegali di Manhattan, per evitare ritorsioni, lascia gli Stati Uniti e si trasferisce prima in Argentina, poi in Italia. Qui, la sua specializzazione nel mondo delle telecamere nascoste lo ha reso autore di programmi come Le Iene,Striscia la NotiziaScherzi a Parte Matrix. Negli anni, GJ Squarcia ha scritto e diretto serie tv, documentari, spot pubblicitari e film per la televisione, distribuiti sia sulle reti Rai, Mediaset e Sky e poi nel resto del mondo. Con Wasteland. La terra dei sogni perduti fa il suo esordio nel catalogo Fanucci.

Titolo: Wasteland. La terra dei sogni perduti
Autore: Giorgio J. Squarcia
Casa editrice: Fanucci editore
Prezzo: 16 €
Pagine: 400
Precedente Leggere in musica: "La guerra di Catherine" e Imagine Successivo Recensione: "Nord e Sud" di Elizabeth Gaskell