In Wonderland: “Cappuccetto Mortissimo” di Luis Murillo ed Emi Orda

Nel paese di Perrault è tornato Cappuccetto Rosso… ma questa volta è Mortissimo!

Luis Murillo ed Emi  Orda disegnano i contorni della storia di Cappuccetto Rosso dopo la sua dipartita.
Toni cupi e macabre ambientazioni fanno da cornice a questo simpatico racconto tragicomico nel quale la piccola Cappuccetto, ormai da tempo morta e sepolta, viene incaricata dai perfidi genitori, altrettanto stecchiti, a raggiungere la vecchia nonna, la sola componente della famiglia rimasta in vita, ricca in salute.

La malconcia Cappuccetto, ignara delle reali ragioni del suo viaggio, lascia la tomba di famiglia e si addentra in un viaggio che, pur solcando le vicende narrative della favola di Charles Perrault, si arricchisce di toni macabro-comici.
La piccola Cappuccetto Mortissimo è una bambina spigliata, dalla battuta sempre pronta, che con candida ingenuità mette in fuga lupi e affronta il cammino con spirito d’avventura. Non da meno la nonna di Cappuccetto, una vera e propria Rambo femminile, intenzionata a salvarsi la pelle ad ogni costo e sfuggire la morte.

Un buon racconto per un pubblico giovanissimo (a partire dai 5 anni), ed è proprio questo il grande limite di Cappuccetto Mortissimo: se da un lato il volume appare adatto ai più piccoli, grazie alle tinte dark a dir poco edulcorate, dall’altro il limite risiede proprio nell’assenza di elementi narrativi forti e  ben strutturati, tali da rendere l’opera appetibile anche ad un pubblico di adolescenti.

Il mio voto:

Roberta Taverna

Titolo: Cappuccetto Mortissimo
 Autori: Luis Murillo ed Emi  Orda
 Casa editrice: Valentina edizioni
 Prezzo: 13.90 €
 Pagne: 56

 

 

 


 

Precedente In libreria: "Caro mondo" di Bana Alabed Successivo "ZerODecibel" di Alessandro Casalini: la recensione

Lascia un commento

*