In Wonderland: “La barca volante” di Massimiliano Frezzato

“C’era una volta il Brivido,
quello che fa scappare
il bimbo dai doveri
e il vecchio dal sognare.”

Questa fiaba ha inizio con un bambino, poi divenuto un vecchio pescatore che un giorno decise di volare con la sua barca; continua con una grotta in riva al mare e una creatura degli abissi imprigionata al suo interno; parla di paura e di sogni ingombranti, di prepotenza e di speranza:

“Ci sarà sempre un pozzo
in cui gettare le cose,
la gente e le risposte
che sono fastidiose.”

Questa fiaba si compie con un vecchio pazzo e la sua missione, con una bambina liberata e una leggenda per i marinai.

Incontrare le fiabe di Massimo Frezzato si rivela sempre un’esperienza intensa: le sue tavole artistiche, connubi perfetti tra linee e colori, prendono vita e s’innalzano dalle pagine attraverso la poesia del racconto scritto.
Sogni, valori, virtù e difetti umani viaggiano all’unisono ne La barca volante (edizioni Lavieri, collana Maledette Fiabe) per raccontare una storia profonda, matura, destinata ad essere compresa nel tempo, come un’eco lontana che fa vibrare l’anima.

Il mio voto: 

Roberta Taverna

Titolo: La barca volante
Autore: Massimiliano Frezzato
Casa editrice: Lavieri
Prezzo: 14.90 €
Pagine: 56

Lascia un commento

*