Inkbooks Reading Challenge,  Recensioni

Inkbooks Reading Challenge: Sospeso nel vuoto, di Sara Bellodi

La nostra recensione a: Un libro dall’Oriente

Nuovo appuntamento con la Inkbooks Reading Challenge (per saperne di più e unirvi al nostro gruppo facebook vi indirizzo all’articolo specifico). Oggi spuntiamo la voce: Un libro dall’Oriente.

Non fraintendermi, ti voglio bene per come ti conosco, non avrei voluto incontrarti prima, mio dolce demone.

phpThumb_generated_thumbnailjpgSara Bellodi, nel suo Sospeso nel vuoto, ci trasporta nei quartieri di una Tokyo contemporanea, mettendoci immediatamente in contatto con le interiorità e le vicende dei protagonisti del romanzo: Aleksander, giovane ribelle dalla personalità poliedrica e dal passato burrascoso e Yuki, un’adolescente coraggiosa e dal carattere complesso – in lei convivono e si miscelano fragilità e determinazione. I due ragazzi si incontrano, ma in questo loro acerbo scambio sono le loro anime, per prime, a contemplarsi vicendevolmente. Aleksander e Yuki approfondiranno la reciproca conoscenza, celando segreti, scoprendosi, diventando complici assidui e, subito dopo, odiandosi dal profondo. Nessuno dei due sembra necessitare, almeno in apparenza, dell’altro: la solitudine e il dolore li hanno abitati per troppo tempo e la condivisione di una vita fatta di lacrime, perdite e sofferenza non sembra rientrare tra le loro prerogative. Ma sarà proprio attraverso questo comune – seppur differente – dolore che i due sapranno imparare a fidarsi del battito di un nuovo cuore, a concedersi, a credere e sperare in un domani diverso – non perfetto, ma quantomeno lievemente felice.

Aleksander e Yuki commetteranno moltissimi errori, nel loro percorso di crescita: tradimenti, sbandamenti, insulti, cadute. Entrambi sveleranno all’altro (e a noi lettori) il proprio lato più oscuro e intimo, senza il reale timore – ed è questa la forza dei personaggi che Sara Bellodi mette in scena – di denudarsi, di levare una maschera che sembrava non dover svanire mai.
E il finale, inaspettato quanto struggente, porta con sé il reale significato del titolo, quella sospensione che è tale perché stanzia costantemente tra la vita e la morte, illuminandosi di ricordi, adombrandosi a causa di un eterno velo di lacrime amare.

Un romanzo scorrevole e appassionante, nel quale i personaggi risultano tangibili. Un’ottima prova d’autore di questa giovane autrice della cui penna attendiamo nuove storie.

Il mio voto:

Matteo Zanini

 

Titolo: Sospeso nel vuoto
 Autore: Sara Bellodi
 Casa editrice: MEF - L’Autore Libri Firenze
 Prezzo: euro 10 (attualmente fuori catalogo.
 Per informazioni relative all'acquisto del volume contattare la redazione.)
 Pagine: 509