Leggere esordienti: “Afrodite bacia tutti” di Stefania Signorelli

Costruiremo un vaso e ci chiuderemo dentro ogni lettera che ancora ci morde.

Simpatica e attuale l’idea di Stefania Signorelli di riportare in vita i protagonisti della mitologia ellenistica catapultandoli ai giorni nostri, immergendoli – quindi – in meccanismi, stili di vita e situazioni nei quali non siamo abituati a vederli. Dimentichiamoci la natura e il monte Olimpo, l’Ade e le eroiche gesta: in Afrodite bacia tutti è la nostra realtà a ospitare personaggi di cui conosciamo i nomi e le vicissitudini classiche, a ribaltarne le vite – non più immortali – e i ruoli.

Con una prosa scorrevole e piacevole, il libro di Stefania Signorelli edito Prospero Editore, è l’insieme di tredici racconti brevi. L’idea di base da cui probabilmente è partita la gestazione degli scritti ci consente di seguire un paio – massimo tre – personaggi mitologici per volta mentre vivono una vita comune e, spesso, insoddisfatta: troviamo la psicologa Eco che rischia di infangarsi in una situazione al limite della pedofilia, la problematica Pandora che ci racconta dei suoi ingarbugliati pensieri con uno stream of consciusness fascinoso ma irrequieto, Persefone che si prende cura dell’anziana madre fuggendo da un matrimonio inconcludente, Phobos rivenditore di tulipani infastidito dalle richieste bizzarre delle clienti.

Spaccati di vite quotidiane, situazioni in cui tutti noi – più o meno – possiamo rispecchiarci, vissute in prima persona da coloro che siamo sempre stati abituati ad ammirare nella loro grandezza, nei loro capricci, nelle loro avventure cariche d’emozione. Racconti capaci di mostrarci che, anche gli déi greci, senza lo splendore delle proprie auree o la benevolenza dell’ambrosia, sarebbero stati proprio come tutti noi: comuni mortali.

Il mio voto:

Matteo Zanini

Titolo: Afrodite bacia tutti
 Autore: Stefania Signorelli
 Casa editrice: Prospero Editore
 Prezzo: 9,90 €
 Pagine: 183
Precedente Leggere in musica: "Storie del barrio" e Tre allegri ragazzi morti Successivo Leggere esordienti: "1986" di Giuseppe Ottomano