Leggere esordienti: “Il serpente di fuoco” di Sara Bosi e Massimiliano Prandini

Il Serpente di Fuoco è un libro scritto a quattro mani da Sara Bosi e Massimiliano Prandini ed è il primo libro della serie Le cronache di Murgo il Ramingo. Gli autori pongono alla base di questa serie Murgo, che peregrinando ci porta a visitare in ogni libro una luogo differente. Murgo rimane un osservatore esterno e una presenza assente nel romanzo. La  sua figura viene solamente utilizzata al fine di riportare alcune pagine del suo diario, che permettono di fornire al lettore maggiori dettagli sui luoghi e suoi popoli visitati.

La Città del Sole è la prima tappa del viaggio di Murgo il Ramingo. Si tratta di una città sita al centro di un torrido deserto, dove la popolazione si è rifugiata da millenni isolandosi dal mondo. In questo modo sono riusciti a fuggire la rabbia e ogni forma di violenza. Base della società è un sistema politico, di tradizioni e religioso che si fonda sul sole e sull’acqua, considerate le fonti della vita.

La storia narrata ci porta nel momento in cui la fonte di acqua si sta esaurendo e in cui si deve trovare una nuova fonte, intorno alla quale costruire la nuova Città del Sole. Per trovarla bisogna effettuare un antico e crudele rituale. Secondo questo rituale sono necessari due sacrifici: quello di un innocente, dal cui sangue sgorgherà la nuova fonte, e quello del suo assassino, che, vestito con la pelle del leggendario Serpente di Fuoco, sarà torturato per millenni per infondere forza a questa nuova sorgente.

Gli autori descrivono gli avvenimenti dagli occhi di Amber e di Dammer, le due vittime prescelte. Lei principessa della città e lui il migliore esploratore. La storia si sviluppa in modo lineare e ordinato permettendo al lettore di immergersi completamente nella Città del Sole e nel suo complesso mondo. Infatti, la narrazione è vivida e le descrizioni sono precise, efficaci e mai prolisse. Gli autori riescono sapientemente ad ammaliare il lettore pur avendo creato un mondo votato al pacifismo e in cui scontri e battaglie non esistono. La più grossa pecca dell’opera è il finale. Per quanto esso sia coerente con lo sviluppo della storia e non scontato, risulta sviluppato in modo troppo repentino, considerati anche i ritmi narrativi generali, e lascia il lettore leggermente insoddisfatto poiché vorrebbe più approfondimento e dettagli in merito.

L’opera, però, è una piacevolissima lettura e una gradita scoperta. Si tratta di un romanzo che si colloca sulla strada del fantasy classico senza ricalcare e ricopiare le orme di altri autori. Un romanzo che piacerà  anche a chi non si professa amante del genere fantasy.

Il mio voto:

Alessio Bottrighi

Titolo: Il Serpente di Fuoco
 Autori:  Sara Bosi e Massimiliano Prandini
 Editore: Associazione Delos Books
 Pagine: 170
 Prezzo: 12,00 € cartaceo / 3,99 € ebook
Precedente In libreria: La Mummia. Antologia di racconti Successivo Letture di Marzo: la videorecensione