Leggere in musica,  Recensioni

Leggere in musica: Dove si infrangono le onde e Vasco Rossi

Colonna sonora della lettura: Sally, Vasco Rossi

Leggere libri è come scavare in se stessi, oppure il contrario: allontanarsi da se stessi, per trovare angoli lontani in cui non riconoscersi, in cui poter riposare…

4527195_0Questo libro, Dove si infrangono le onde della francese Claudie Gallay, ha entrambe le caratteristiche. Leggendolo ci si sente trasportati in un mondo vicino e lontano nello stesso tempo: le coste normanne, dove anche l’erba dei prati sa già di sale. Ci si ritrova in posti senza tempo, con una natura amica ma facilmente irritabile perchè può trasformarsi in tempesta in un attimo, diventare impietosa e potente, per poi placarsi e tornare a cullarci.
Qui si muove una donna, una donna che ha provato un dolore profondo: quello della perdita dell’uomo, dell’unico uomo che ha veramente amato. Lui è morto, lei non riesce ad accettare questa realtà.
Fugge, là… dove si infrangono le onde.
Non si fa sconti, non si concede pause, vive il suo dolore fino in fondo in una sorta di unione con quella natura che è come lei: selvaggia, contraddittoria. Ufficialmente è un’ornitologa che passa le sue giornate catalogando uccelli migratori, ma spesso passa le notti urlando o accovacciata in un angolo della sua stanza quasi nuda, una stanza senza alcuna civetteria, proprio come lei.
Eppure non è un’asociale, è inserita in quel paese sull’Oceano dove tutto è un po’ strano, un po’ misterioso, dove aleggiano leggende antiche, dove c’è un mistero irrisolto e dove si sentono ancora le voci dei bambini che in una casa , ormai chiusa, hanno trovato, per alcuni anni, quelle famiglie che avevano perduto.
Qui incontra un uomo, dapprima sembra uno dei tanti che fanno da contorno al suo dolore, ma poi diventa “l’uomo”, quello che la farà rivivere. Lui come lei cerca qualcosa: lei rivuole se stessa, lui vuole risposte sulla sua famiglia, scomparsa in mare tanti anni prima. Si cercano, si lasciano, si nascondono, si ritrovano, e intorno il paese e i suoi personaggi: Nan, il Vecchio, lo scultore, lo “scemo”.

Un libro mai leggero e mai pesante, un libro in cui ritrovarsi e in cui perdersi, un libro di disperazione e di speranza. Un libro che parla prima al cuore e poi alla mente.

Marzia Francesconi

Titolo: Dove si infrangono le onde
Titolo originale: Les déferlantes
Autore: Claudie Gallay
Editore: Bompiani
Pagine: 340
Prezzo: 20 €