Crea sito
Leggere in musica,  Recensioni

Leggere in musica: La strada e i Linkin Park

Ciò che si altera ricordando ha comunque una sua realtà, che la si conosca o meno.

lastradaCrudità e freddo inesorabile fanno da sfondo a questo romanzo di McCarthy, tagliente e spietato. Un padre e un figlio – apparentemente gli unici abitanti di un pianeta incenerito e inospitale – iniziano un cammino, dalla durata indeterminata e dalla meta incerta, con l’obiettivo di trovare luoghi che ancora possano ospitarli e permettergli di vivere dignitosamente. Lungo la strada i due spingono un vecchio carrello, contenente coperte e qualche rimasuglio dei loro ultimi viveri. La sporcizia e la desolazione non soltanto circondano i due protagonisti: li possiedono.

La strada si trasforma ben presto in una cupa metafora: è un ritorno, il ritorno alla bestialità, al primitivo. L’uomo e il bambino, inizialmente soli, si scontreranno, lungo il loro cammino semi-silenzioso, con altri personaggi – come animali che incontrano altri animali. È come se nel romanzo ci fossero una serie di branchi, di razze animalesche che lottano per la sopravvivenza (razziando, aggredendo, fin’anche arrivando al tentato omicidio): in un mondo che non ha più alcuna parvenza di umanità è la legge del più forte a dettare le regole del gioco per la salvaguardia del sé. E questa bestialità primitiva arriverà anche a colpire un insospettabile, “uno dei buoni”. Perché la strada non perdona; la strada è solitudine, è riflessione, è angoscia; la strada fa capire a chi la sta percorrendo la sua vera identità.

Matteo Zanini

Titolo: La strada
Titolo originale: The Road
Autore: Cormac McCarthy
Casa editrice:  Einaudi
Prezzo: € 12.00
Pagine: 218
Da questo romanzo è stato tratto l'omonimo film del 2009, 
con Viggo Mortensen e Kodi Smit-McPhee