Leggere in musica: L’approdo di Shaun Tan e Noa

l-approdoParto. vado via. Perchè ho bisogno di un futuro migliore. Per me, per te, per nostra figlia.
Perchè ho bisogno di un lavoro, non importa quale, non importa come, purchè sia.
Perchè ho bisogno di svegliarmi la mattina sapendo che a sera avrò dato un senso alla mia giornata in qualche modo, sarò stato utile a qualcuno, amico di qualcun altro, importante per qualche anima simile alla mia.
Non m’importa se dovrò lottare col cielo, con le onde dell’oceano, con lingue sconosciute e razze diverse. Io parto per dare senso al mio presente e cambiare il mio futuro.
Shaun Tan, uno dei maggiori illustratori contemporanei, ha raccontato la mia storia ne L’approdo: lo ha fatto senza dover ricorrere a parole, senza dover spiegare ciò che l’immagine rende superfluo. Ha seguito il mio viaggio verso un mondo straniero, bizzarro, retto da regole apparentemente incomprensibili. La mia nuova casa non è poi tanto diversa da quella al termine del cammino di ogni emigrato perchè ovunque essa sia luoghi, voci, gesti appaiono alieni agli occhi di chi ha dovuto lasciare la propria terra.

Con linee morbide e paesaggi dai contorni alieni, Shaun Tan ricorre ad una narrazione a metà strada tra l’onirico e la cronaca degli anni Venti per raccontare una storia senza tempo, di fuga, di paura, di miseria e speranza.
Un capolavoro grafico in ogni tratto, che risveglia un sentimento di responsabilità nei confronti di tutti quei viaggiatori che da ogni parte del mondo fissano il lettore sin dalla prima pagina, perchè in fondo tutti siamo umani allo stesso modo, tutti in fuga da qualcosa e in cerca di qualcos’altro.

Il mio voto:

Roberta Taverna

Titolo: L'approdo
 Autore: Shaun Tan
 Casa editrice: Tunué
 Pagine: 128 illustrato, cartonato
 Prezzo: € 24.90
Precedente Inkbooks Reading Challenge 2017 Successivo Oggi mi sento...in pieno autunno