Oggi mi sento… confusa!

Tutti i nostri oggi sbagliati” di Elan Mastai: la recensione

“Ti rendi conto che la tua giornata è seriamente compromessa quando l’ontologia diventa una questione di vita o di morte.”

Quante volte ci sentiamo dire che con i “se” e con  i “ma” non si va da nessuna parte? Va bene, in linea di principio concordo anche io, eppure… se potessimo davvero modificare il modo in cui sono andate le cose? Avreste il coraggio di farlo, senza però avere alcuna certezza delle conseguenze di quell’insignificante – almeno all’apparenza – correzione?

Tom Barren, protagonista del romanzo d’esordio Tutti i nostri oggi sbagliati dello sceneggiatore Elan Mastai, di fronte ad una situazione che ritiene inaccettabile, agisce d’istinto e torna indietro nel tempo. Sì, avete sentito bene. Tom vive in un 2016 alternativo rispetto a quello che abbiamo conosciuto e nella sua realtà poter fare questo tipo di viaggio è diventato possibile, seppur molto pericoloso. Infatti lui sarà il primo viaggiatore. Tuttavia ci sono troppi fattori che non ha tenuto in considerazione…  ed in questo modo si trova a vivere un’esistenza in cui si sente un estraneo. La sua realtà è come scomparsa, si è disgregata e ricomposta in un qualcosa di totalmente inaspettato: nessuna macchina del tempo, problemi climatici, sociali e politici. Vi ricorda nulla? Esatto, Tom diventa parte integrante del mondo di cui noi siamo protagonisti. Qualcosa di positivo, ad ogni modo, c’è. Sì, perché da trentenne praticamente nullafacente, Tom scopre di essere un famoso architetto, di avere una famiglia amorevole, ma soprattutto, di essere ad un passo dall’afferrare l’amore che si era dato tanto pena di conquistare. Eppure qualcosa non va. E sarà proprio quel qualcosa che lo porterà a cercare una risposta. Attraverso le infinite possibilità che possono scaturire da una nostra scelta.

L’intero romanzo è raccontato in prima persona, permettendo così a noi lettori di vivere le sfaccettate emozioni di Tom, provando sulla nostra pelle la sua confusione, i suoi dubbi, le sue speranze. Le sue difficili decisioni.

Un libro estremamente particolare, che avremo la fortuna di poter ammirare prossimamente anche sul grande schermo.

“È questo che l’amore può fare per noi, se glielo permettiamo: costruire una persona dai frammenti sparsi. Non importa che si vedano le suture. I punti, le cicatrici, non fanno che provare che l’abbiamo meritato. ”

 Il mio voto: 

Sara Bellodi

Titolo: Tutti i nostri oggi sbagliati

Autore: Elan Mastai

Casa Editrice: Sperling & Kupfer

Prezzo:   € 18.90 / ebook € 9.99

Pagine: 384
Precedente "ZerODecibel" di Alessandro Casalini: la recensione Successivo In libreria: "La più odiata dagli italiani", Davide Bacchilega