“Passenger” di Alexandra Bracken: la recensione

Una ragazza di 17 anni che vive a New York, una prodigiosa violinista scopre che la sua vita semplice e normale non è poi così tranquilla.
Una sera, durante il suo debutto nel mondo della musica, Etta Spencer si ritrova a perdere tutto ciò che ha di più caro al mondo, nel 1776, su una nave nel bel mezzo dell’Oceano.
Scopre così l’esistenza di un dono, un dono che apparteneva anche alla madre che ha deciso di tenere Etta all’oscuro di tutto.
Etta infatti, appartiene ad una delle quattro famiglie più importanti di viaggiatori del tempo.
Ad affrontare questa nuova avventura, costretti a causa di un ricatto, ci sarà Nicholas, un giovane ragazzo che possiede il suo stesso dono; insieme viaggeranno nel tempo alla ricerca di un oggetto bramato da tutti.
Da qui inizierà il viaggio dei nostri due protagonisti, fatto di avventure, paesi mai visti prima ed epoche lontane.
Insieme ad Etta e Nicholas ci ritroveremo nella Londra durante la Seconda Guerra Mondiale, nella Parigi di fine ‘800 e nella Damasco del 1600.

Lo stile della Bracker è molto descrittivo e ricco di dettagli, oltre alla scrittura l’autrice ci è documentata sulle varie epoche storiche portato all’interno del romanzo una veridicità reale e minuziosa.
Uno degli argomenti principali è sicuramente quello del viaggio del tempo, all’interno del romanzo l’autrice è riuscita a spiegarlo molto bene, inserendo regole e spiegazioni che danno un senso logico alla storia.
Etta è un personaggio ben costruito, forte e coraggioso, pronto a combattere e a non tirarsi mai indietro.
La storia è narrata in terza persona con capitoli visti dal punto di vista di Etta e altri dal punto di vista di Nicholas.
I temi che vengono analizzati sono diversi come il classico tema dell’amore, che viene affrontano in maniera forse un po’ troppo superficiale e veloce; altri temi invece, vengono ben analizzati come quello del razzismo, il tema della donna, il rapporto madre-figlia.
Il romanzo è scorrevole e coinvolgente anche se alcune parti possono risultare un po’ troppo descrittive al fine della storia.

Il mio voto: 

Alessia Cozzi

Titolo: Passenger
Autore: Alexandra Bracken
Casa editrice: Sperling & Kupfer
Prezzo: 18,90 € / e-book 9,99 €
Pagine: 420
Precedente Inkbooks Reading Challenge: "Il tessitore di sogni", di Alex Calvi Successivo Intervista a Sara Bosi e Massimiliano Prandini, autori de "Il serpente di fuoco"