Crea sito
Inkbooks Reading Challenge,  Recensioni

Inkbooks Reading Challenge: Aggrappati a un sogno, di Matteo Zanini

La nostra recensione a: Un libro di formazione

Continua la nostra Inkbooks Reading Challenge, un’iniziativa che unisce redazione e lettori in una sfida lunga un anno. Oggi vi parliamo di Un libro di formazione. (Per saperne di più e unirvi al nostro gruppo facebook vi indirizzo all’articolo specifico).

“Una vita senza libri sarebbe come un arido campo che ha perduto la speranza di scorgere all’orizzonte un temporale in arrivo. C’è una forza oscura nei libri, la conoscerete senza dubbio anche voi: è come parlare con un amico.”

Quando leggo un libro sono solita segnarmi le frasi che mi colpiscono maggiormente e trascriverle su un’agenda. E, come potrete immaginare, non è un caso se ho scelto proprio questa come citazione iniziale. Vi chiederei dunque di prestarvi particolare attenzione e di soffermarvi sul concetto espresso. Fatto? Perfetto!
I nostri amici sono diversi gli uni dagli altri e, forse, ci sono dei momenti in cui si preferisce la compagnia di uno di loro in particolare. Esattamente quello che succede con i libri. Vi è mai capitato di prendere in mano un volume, sbirciare tra le pagine e capire che era proprio quello che stavate cercando? Oppure, in caso contrario, non riuscire a finirlo in alcun modo?
Sono convinta che ogni singola pagina si meriti il dovuto rispetto e la giusta preparazione, come se stessimo per conoscere una nuova persona.
Nello specifico, mi sono “presentata” ad Aggrappati a un sogno, secondo romanzo del giovane Matteo Zanini, mentre fuori soffiava un vento gelido, le stelle iniziavano a bucare il cielo, nel camino scoppiettava la legna ed in mano avevo una calda tazza di tè nero al cioccolato.
Ed in questa confortevole bolla ho fatto la conoscenza della famiglia Olson, della residenza di Parklay, di Frederick Beckett e di Victor Stevenson. Ho accompagnato Catherine, protagonista principale della vicenda, nelle sue scoperte, nelle sue delusioni, nelle sue gioie. Ad ogni passo mi sembrava di essere accanto ai personaggi, trasportata nell’Inghilterra vittoriana.
Tutto ciò è stato possibile grazie allo stile di scrittura dell’autore, che si accosta armoniosamente a quello di scrittrici che hanno vissuto a quell’epoca, come la Austen o le sorelle Brontë. È facile dimenticare che in realtà la stesura del romanzo è avvenuta ai nostri giorni…
Un libro che, spero, avrete voglia di accogliere nella vostra casa.

“Secondo me il Destino ci offre una trama, una sorta di
canovaccio teatrale. Ci dona l’inizio di una scia che
vuole che cominciamo a percorrere, ma sta poi a noi
compiere effettivamente le scelte che determineranno
un successo o un fallimento. Non diamo al Destino più
potere di quello che possiede in realtà!”

Il mio voto:

Sara Bellodi

Titolo: Aggrappati a un sogno
Autore: Matteo Zanini
Editore: Silele Edizioni
Costo: euro 14.00
Pagine: 206