Recensioni,  Un libro per ogni lettore

Recensione: Assassinio di marzo, di Dan Turèll

20160209103309_261_copertina_web-199x300Troppo spesso si è obbligati a dire qualcosa, in una vita media. Un fatto che mi ha dato spesso sui nervi.

Copenaghen anni ‘70. Un protagonista senza nome. Un omicidio.
Queste le premesse di un romanzo che porta con sé la caratteristiche tipiche di Dan Turèll, noto autore di noir danesi: atmosfere metropolitane e intrecci che proseguono intrecciandosi al ritmo delle frasi. Assassinio di marzo (il quinto di una serie di dodici racconti, che fanno parte di quella che viene chiamata la “Mord-serien”) conduce i lettori nel fangoso mondo dell’arte – del suo commercio, delle sue esposizioni, dei suoi torbidi abitanti – col pretesto di risolvere il misterioso caso di un ricco collezionista ritrovato con un coltello piantato nella schiena. Le indagini si snodano tra familiari reticenti, vite private invase, incontri dai risvolti imprevisti con il classico scambio di supposizioni, ripensamenti, colpi di scena e smentite.

Pagina dopo pagina ci si cala sempre più a fondo nelle vicende, gli indizi cominciano a prendere una forma maggiormente definita e l’esito ci scivola tra le mani con una facilità che lascia soddisfatti.

Un romanzo che si presta per tutti i lettori appassionati di gialli leggeri e scorrevoli, da gustare mentre la pioggia inumidisce l’aria e il pomeriggio si prepara a tuffarsi nel tramonto.

Il mio voto: 

Matteo Zanini

Titolo: Assassinio di marzo
 Titolo originale: Mord i marts
 Autore: Dan Turèll
 Casa editrice: Iperborea
 Prezzo: euro 17,00
 Pagine: 252