Recensione: “Il magico pane dei fratelli Mazg” di Robin Sloan

Il magico pane dei fratelli Mazg è una storia assurda e divertente che ha come protagonista Lois Clary una donna che si trasferisce a San Francisco per iniziare a lavorare in un’azienda robotica e informatica, la General Dexterity, azienda che richiede ai suoi dipendenti di lavorare fino ad orari estenuanti tutti i giorni della settimana.
Lois inizia a star male, gli orari sono pesanti e le giornate non finiscono mai, un giorno trova un volantino per cibo take away, decide di chiamare e da quel momento la sua vita cambierà.
Incontra così i due fratelli Mazg, due persone particolari che cucinano in maniera meravigliosa zuppe e pane.
Sfortunatamente i fratelli devono lasciare l’America e decidono di donare alla loro cliente numero uno lo Starter, ovvero il lievito madre, così che Lois possa riprodurre in maniera autonoma il pane che tanto ama.
Lois decide così di buttarsi in una cosa nuova, mai sperimentata, la creazione del pane e di un forno per poterne cuocere il più possibile. Rimarrà però sbalordita dalle innumerevoli stranezze che le capiteranno con questo Starter; prima di tutto le pagnotte calde e dorate che sfornerà avranno una faccia, ebbene si, una faccia felice, malinconica, furbetta, triste, a seconda delle occasioni.
Altra particolarità che lascerà Lois a bocca aperta è la vita propria che prenderà lo starter. Esso infatti durante la notte si illuminerà, emetterà suoni armoniosi tanto da sembrare una canzone.
Da questo momento la vita di Lois cambierà, entrerà a contatto con personaggi bizzarri e divertenti, stringerà amicizia con le simpatiche donne che incontrerà al circolo delle Lois, scoprirà nuove cose sull’origine del lievito grazie alla vastissima biblioteca di Horace e prenderà decisioni che le cambieranno completamente la vita.
Il tutto verrà comunicato sempre, di email in email, a Beo, uno dei due fratelli Mazg che risponderà alle lettere di Lois (che noi non leggiamo) con suggerimenti e con continui aggiornamenti della sua vita e di quella del fratello.

Il libro parte subito in quarta tenendo il lettore incollato alle pagine, il finale però perde un po’ forza e risulta la parte più banale dell’intero libro.
Il romanzo offre al lettore un sacco di informazioni culinarie e mescola l’arte della cucina all’innovazione della robotica.
Una lettura leggera e fresca, caratterizzata da uno stile di scrittura armonico, coinvolgente e delicato.
Un libro che ti farà venire fame e ti farà vivere un’avventura divertente e bizzarra.

Il mio voto: 

Alessia  Cozzi

Titolo: Il magico pane dei fratelli Mazg
Autore: Robin Sloan 
Casa editrice: Corbaccio
Prezzo:  € 16,90, ebook € 9.99
Pagine: 236
Precedente In libreria: "I rinnegati di Arest" di Adrian Raul Rednic Successivo In Wonderland: "Misteriosa" di Elisabetta Gnone

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.