Recensione: “Il mago del nulla” di Alessandro Casalini

L’ultima fatica letteraria dell’autore Alessandro Casalini ha un titolo accattivante e misterioso, come misterioso è il percorso che ci porterà dalla prima all’ultima pagina di questo romanzo, che tinge delle tinte di un thriller contemporaneo l’eco di quella che sembra essere una denuncia sociale rivolta all’abuso tecnologico e al rapporto uomo-macchina.

Edito da AlterEgo edizioni, Il mago del nulla è un vero e proprio viaggio, le cui tempistiche e direzioni ci vengono esplicitamente fornite dall’autore all’inizio di ciascun capitolo, nel quale seguiamo Wiz – il protagonista, una sorta di clone di Mark Zuckerberg – e le voci che animano la sua mente in apparenza folleggiante mentre si dirigono verso Nord, in cerca di una fuga che assume le sembianze di una redenzione, giungendo a prendere la forma di una vendetta messa in atto con un coup de théâtre che sbalordisce.

Il mago del nulla è abitato da personaggi schivi, che si fanno conoscere poco – forse troppo poco? – dal lettore. Li incontriamo con rapidità e con la medesima velocità li abbandoniamo al loro Destino. La narrazione fluida e incalzante non permette un approfondimento intimo delle anime con cui veniamo in contatto. E, nella lettura, la sensazione è che anche il protagonista – the Wizard – risenta di questa superficialità: fatica a riconoscere il bene dal male, il reale dal digitale, il tangibile dall’illusorio. Forse è davvero questo l’incrocio al quale Casalini ci vuol far arrivare: quello che ci pone dinnanzi al conflitto, sempre più attuale, tra anima e byte, tra umano e digitale, tra inchiostro e tastiera, facendoci riflettere e portandoci al quesito principe che scaturisce da queste sue pagine: quando abbiamo smesso di essere umani?

Il mago del nulla è un romanzo differente rispetto al cinico, immediato e claustrofobico – in senso buono, s’intende! – Fattore Z; un romanzo che si concentra meno sull’emotività e sull’effetto che la scrittura può produrre sul lettore, ma che lascia una serie di tracce, di spunti e di immedesimazioni non scontate, con la tinta di giallo che l’autore ha così tanto a cuore.

Il mio voto:

Matteo Zanini

Titolo: Il mago del nulla
 Autore: Alessandro Casalini
 Casa editrice: AlterEgo edizioni
 Prezzo: 13,00 €
 Pagine: 273
Precedente Leggere in musica: "I Moore" e Apparat Successivo In libreria: "I colori dell'incendio" di Pierre Lemaitre

Un commento su “Recensione: “Il mago del nulla” di Alessandro Casalini

I commenti sono chiusi.