Crea sito
Recensioni,  Un libro per ogni lettore

Recensione: “La storia di una bottega”, di Amy Levy

Se non occorre un’inversione improvvisa della fortuna per renderci cinici, non c’è forse nessun’altra esperienza che ci ponga faccia a faccia, così velocemente e così strettamente, con la realtà della vita.

La letteratura inglese è – da sempre – la mia personalissima fonte di conforto. La bellezza di quanto è stato narrato a cavallo tra il Settecento e l’Ottocento non ha eguali e la possibilità di scoprire le trame di autori e autrici sempre nuovi – e sempre gradevoli – è una delle fortune del nostro tempo. Grazie a interessi editoriali come quelli della casa editrice Jo March, è possibile – per esempio – addentrarsi nelle vicissitudini delle quattro sorelle Lorimer, protagoniste del romanzo di fine Ottocento La storia di una bottega, sorto dalla penna di Amy Levy – autrice praticamente sconosciuta in Italia, ma che sta pian piano vivendo una discreta fase di rivalutazione (per chi fosse interessato, ricordo che è stato recentemente pubblicato il suo Reuben Sachs e altri racconti da Darcy Edizioni).

La bottega che dà il titolo al romanzo è un vero e proprio studio di fotografia che le quattro fanciulle ereditano a seguito di un tragico evento familiare. Tra consigli e reticenze, tra parenti scomodi e gesti di coraggio, le giovani Lorimer porteranno avanti la professione, cercando di contrastare lo sgomento sociale e le difficoltà – sia economiche sia culturali. Il loro studio, situato in Baker Street, proprio nel cuore pulsante della Londra di fine Ottocento, farà da traino alla loro rivalutazione sociale e alla crescita di una fiducia nei riguardi del loro ruolo di self made women. Saranno, tuttavia, i sentimenti a rimescolare le carte in tavola e a reindirizzare i Destini delle quattro protagoniste.

Un romanzo che possiede indubbiamente tutta una serie di punti di contatto con il celebre Piccole Donne dell’americana Louisa May Alcott (pubblicato vent’anni prima), ma che riesce a risultare interessante soprattutto per la qualità della scrittura di Amy Levy, per le sue riflessioni seminate qua e là nel testo, per la delicata profondità con cui ha proposto e maturato una trama che, per la sua epoca, poteva davvero dirsi “al passo coi tempi”.

Il mio voto:

Matteo Zanini

Titolo: La storia di una bottega
Titolo originale: The Romance of a Shop
Autori: Amy Levy
Casa editrice: Jo March
Prezzo: € 10,20
Pagine: 217
Voto: 4/5 stelline