Crea sito
Recensioni

Recensione: Quando dal cielo cadevano le stelle, Sofia Domino

“Comunque sono certa di cos’altro vorrò fare dopo la guerra – un attimo di silenzio – vorrò vivere.”

Avere una casa. Andare a scuola. Alzare gli occhi verso il cielo per ammirarne i suoi colori. Qualcosa che ci può sembrare scontato, o addirittura banale. Qualcosa che, durante il periodo della Seconda Guerra Mondiale, è stato privato a molte persone.

Un conflitto che ha portato via tanto, troppo, come accade alla giovanissima Lia – protagonista del romanzo di Sofia Domino Quando dal cielo cadevano le stelle – costretta a nascondersi con la propria famiglia,  fin da quando aveva solamente undici anni.
Solamente perché erano ebrei.
CopertinaIl romanzo si sviluppa in un arco temporale di due anni, dal 1943 al 1945 – con un flashback relativo al 1938 – seguendo le vicende di Lia, dapprima nella Roma sotto regime fascista, per poi giungere alla cruda realtà dei campi di concentramento.
Sono anni in cui Lia avrebbe dovuto poter vivere liberamente la propria adolescenza, con le problematiche ad essa connessa, e non nel terrore, nell’incertezza di sapere se il giorno dopo si sarebbe potuto continuare a respirare.
Eppure, nonostante le restrizioni, la paura, l’impossibilità di camminare liberamente per le strade della sua adorata città, guardando le stelle di notte, Lia non smette mai di amare la vita. Si aggrappa con ostinazione ai suoi sogni, cercando il lato positivo in ogni situazione, anche quando il suo mondo – quel “nuovo” mondo a cui si era dovuta adattare dall’emanazioni delle leggi razziali – viene, per l’ennesima volta, brutalmente modificato il 16 ottobre 1943. La data in cui viene catturata dalla Gestapo e deportata ad Auschwitz, dove continuerà a chiedersi, senza ottenere alcuna risposta, il perché di quella cieca malvagità.

Più si procede nella lettura, e più ci si rende conto dell’accurato lavoro di ricerca compiuto dalla giovane autrice. Ogni situazione è sapientemente descritta tenendo in considerazione i fatti storici e politici, rendendo così il romanzo vicino alla realtà, una sorta di dichiarazione scritta per le generazioni future, come se questo potesse essere un documento in cui sono racchiusi i ricordi di una ragazzina che aveva dovuto subire le atrocità dell’olocausto. (La stessa Domino, nelle noti finali, afferma di aver raccolto numerose testimonianze prima di procedere nella stesura).

Un romanzo che scolpisce nei nostri cuori, parola dopo parola, pagina dopo pagina, questa frase: Non dimenticare. Per far sì che non si ripetano mai più tali atrocità.

“Era ancora una persona chi veniva continuamente picchiata,
umiliata e privata della dignità? Era una persona chi era stata obbligata

a spogliarsi e lavarsi sotto l’acqua troppo calda o troppo fredda,
 e che era stata tatuata con un numero perdendo il suo nome?”

Sara Bellodi

Titolo: Quando dal cielo cadevano le stelle
 Autore: Sofia Domino
 Casa editrice: Lulu
 Prezzo: 1,99 € (disponibile in versione PDF)
 Pagine: 495