Crea sito
Interviste

Speciale Lucca Comics and Games 2015: Incontro con Fabbri/Antonucci, autori di V for Vangelo

Ricordo ancora la prima volta che li vidi: girando per i padiglioni di Lucca ci eravamo imbattuti in questo stand in cui vendevano fumetti autoprodotti con protagonista un Gesù un po’ particolare, cosi ci fermammo a parlare qualche minuto con i due autori, i quali, anche un po’ stupiti dell’ interesse suscitato dalle loro vignette, facevano una foto ad ognuno dei compratori della loro opera.
Da allora ogni uscita è stato un appuntamento fisso! Dunque non poteva mancare, come prima intervista di Inkbooks a Lucca Comics and Games 2015, quella a Daniele Fabbri e Stefano Antonucci (o meglio con Stefano visto che ho mancato Daniele di un soffio!).

20151030_120136Durante l’intervista, svolta rubando spazio vitale alle indaffarate ragazze dello stand dell’editore Shockdom, Stefano doveva spesso interrompersi per fare autografi e dediche (anche al sottoscritto sia chiaro!) ed è stato bello assistere di persona al successo di una storia nata da un percorso lungo e articolato come il loro. Infatti il sodalizio tra Stefano e Daniele parte dall’ambiente satirico “classico” tra giornali come L’Unità, Il Fatto Quotidiano e riviste prima di sbarcare al fumetto.
Stefano ci ha raccontato degli inizi e delle idee su cui hanno lavorato, del primo tentativo di vendere il loro fumetto “almeno per rientrare nelle spese”, andato a buon fine visto che riuscirono a piazzare mille copie alla prima Romics a cui parteciparono (la fiera del fumetto di Roma nds)!

admin-ajaxCi ha parlato anche dell’interesse di varie case editrici, sempre rifiutate fino all’arrivo di Shockdom che gli ha concesso carta bianca per la realizzazione della loro ultima fatica ( e la prima targata Shock) V for Vangelo; in questo volume il classico format di Gesù cede un po’ il passo in favore di una storia a più ampio respiro (non perdetevi la nostra recensione al fumetto!)
Stefano ci ha anche spiegato il vantaggio di lavorare con una casa editrice, potendo da un lato non curarsi dei problemi “tecnici” come il mantenere gli albi sotto le 48 pagine per problemi di costi e dall’altro mantenendo la più assoluta libertà di gestione cosa che, per un personaggio irriverente come Gesù, è ancora più importante.

Alla classica domanda sui progetti futuri Stefano ci ha spiazzato rivelando la decisione di smettere, almeno per un po’, di narrare le avventure di Gesù e che il duo Fabbri/Antonucci si sta per lanciare in un nuovo progetto, sempre satirico, sempre con Shockdom, così descritto: “Se non ci hanno menato per Gesù mi sa che per questo progetto invece lo faranno” dunque…non ci rimane che attendere ulteriori sviluppi!

Marco Castelletti