• Libri e Cucina,  Recensioni

    Libri & Cucina: “Dolce, Cracco e Fantasia”, di Carlo Cracco

    Cari InkReaders, siamo oramai entrati a pieno regime nel periodo delle feste natalizie… in un anno un po’ particolare, che sicuramente ricorderemo. Per viziarci un tantino, ecco una nuova recensione tutta da gustare (e ne vale davvero la pena! Provare per credere!). Oggi vi presento una ricetta stellata: un “Carlo Cracco” in versione panificatore, una ricetta bivalente davvero curiosa e… gustosa! Infatti, grazie a Vallardi Editore oggi posso recensire un vero manuale di pasticceria con accenni di panificazione, ed è proprio questa parte che mi ha incuriosita di più. Si tratta di un libro scritto a quattro mani insieme a Marco Pedron, il “Pastry Chef” della location “Cracco in Galleria”. Questo…

  • Libri e Cucina,  Recensioni

    Libri & Cucina: “Senza zucchero”, di Luca Montersino

    Cari InkReaders, oggi vi porto di nuovo nella mia cucina e vi mostro una ricetta molto particolare: si tratta della mitica marmellata di mango senza zucchero di Luca Montersino. Il titolo originale di questa ricetta è “#marmellosacaraibica“, e si tratta di una marmellata di mango e coriandolo estrapolata dal nuovo libro di Luca Montersino che ho pensato di preparare per tutti voi e per la redazione di InkBooks. Il libro è naturalmente composto e impreziosito da tante, diverse ricette di dolci, accomunate da un’unica, grande preziosità: sono tutte rigorosamente “senza zucchero”. E come si fa, mi chiederete? Il nostro Maestro, ha studiato a lungo una combinazione di tre elementi di base: l’Agave in polvere,…

  • Libri e Cucina,  Recensioni

    Libri & Cucina: “Come ho convinto mio marito a lavare i piatti”, di Eve Rodsky

    Un libro autobiografico in cui la scrittrice racconta come è riuscita a gestire la vita coniugale, i figli e la carriera in un momento in cui sembrava aver perso ogni speranza di recuperare se stessa, sommersa da continui imprevisti, grandi e piccoli, da gestire da sola, trovando il suo “regno dell’unicorno” grazie ad un gioco chiamato fair play.