This is Halloween: “Dracula” di Bram Stoker

This is Halloween, Halloween…” cantavano i personaggi di un famoso film d’animazione di Tim Burton del 1993; l’autunno è arrivato ed il countdown è partito: la fatidica data del 31 ottobre si avvicina sempre più!

Per ingannare l’attesa seguite la nostra nuova rubrica dedicata alle letture a tema ed immergetevi insieme a noi nell’atmosfera che precede questa festa popolare. Tirate fuori dagli armadi le decorazioni gotiche, armatevi di coltello e iniziate a intagliare le zucche, accendete i lumini, Halloween si avvicina… buone letture spaventose a tutti!

Oggi inauguriamo la rubrica This is Halloween con un classico del genere gotico, Dracula di Bram Stoker.

La Inkbooks Reading Challenge di questo 2017 e il caldo consiglio di un’amica lettrice mi hanno finalmente spinto ad avvicinarmi a questo grande classico del quale possedevo un’edizione in libreria da diverso tempo. Avevo sempre rimandato la lettura di Dracula e devo ammettere di aver tremendamente sbagliato a farlo. Il capolavoro di Bram Stoker procede per mezzo di una narrazione frammentaria e corale, nella quale le voci di una manciata di personaggi ci trascinano letteralmente all’interno delle tinte fosche e misteriose che hanno reso immortale la storia del vampiro Dracula.

Superstizione, scienza (dell’epoca, s’intende), psicologia, investigazione sono tutti elementi che vanno a caratterizzare e riempire il romanzo; ciascuna di queste sfumature dell’animo umano è incarnata da un personaggio. Su tutti sembra apparentemente emergere il conte Dracula, la cui voce udiamo per pochissime pagine. Questa scelta autorale è senza dubbio di estremo interesse: il protagonista, colui che dà il proprio nome all’opera, l’ombra che sovverte le quotidianità degli altri personaggi, è colui che si fa concretamente meno sentire. Percepiamo la sua presenza e il suo muoversi in ogni pagina, ma solo per mezzo di coloro che colgono e subiscono la minaccia delle sue azioni. In tutto il romanzo si ha l’impressione di veder spuntare il vampiro dietro ad ogni angolo; qualche volta accade, ma anche quando la sua presenza è solo una sensazione, un timore, un’avvisaglia, ecco che Dracula – ad ogni modo – è sempre presente. Questo fino alle ultime pagine della storia, quando le vicende si chiudono in un finale che, onestamente, non mi aspettavo.

Dracula venne pubblicato nel 1897. Vista la letteratura successiva che tenta invano di riprendere le tematiche di Stoker – attualizzandole – non posso fare altro che unirmi al coro di voci che hanno universalmente eletto questo scritto come l’ultimo grande romanzo gotico della storia della letteratura.

Il mio voto:

Matteo Zanini

Titolo: Dracula
 Autore: Bram Stoker
 Casa editrice: Crescere edizioni
 Prezzo: 7,90 €
 Pagine: 444
Precedente Oggi mi sento... curiosa Successivo In libreria: "Caro mondo" di Bana Alabed